Il "buono" del viaggio Liguria

A Bonassola coltivazioni biologiche all’agriturismo Cà du Ferrà

6 Marzo 2019

La Liguria, si sa, è un territorio che ha  molto da offrire in ogni stagione, non solo sulla sua magnifica costa.

Nel mio ultimo viaggio nel Levante ligure, tra Framura e Bonassola, oltre a fare splendide camminate e gustare la cucina locale in ottimi ristoranti  a Levanto e a Mattarana,  ho conosciuto anche Cà du Ferrà, un  progetto di coltivazioni biologiche e di produzione vinicola  molto interessante e di  grande qualità.

produzione vini cà du ferrà

Sulle terrazze coltivate che coprono le alture del Levante, si vedono spesso filari di viti. Qui si producono vini  famosi come il bianco Vermentino  ligure, fresco e fruttato, che accompagna i piatti di pesce (ma anche risotti e carni bianche)  e il prezioso  Sciacchetrà, il vino passito dolce delle Cinque Terre, vino da dessert e “vino da meditazione”.

Una delle finalità dei nostri vagabondaggi  è quello di “scovare” le eccellenze dei territori.  Ho quindi deciso di visitare uno di questi vigneti, accompagnata dalle appassionate spiegazioni di Giuseppe, uno dei  titolari dell’azienda  agrituristica Cà du Ferrà, che si  distingue per le coltivazioni biologiche dei suoi prodotti.

 

Cà du Ferrà, coltivazioni biologiche per vini prestigiosi

Cà du Ferrà è un’azienda che unisce una grande consapevolezza dell’importanza di una agricoltura sana, rispettosa dell’ambiente, di chi lavora in vigna e del consumatore finale a una grande passione per la ricerca di innovazioni.  

Queste caratteristiche in poco tempo hanno portato i suoi vini a raggiungere traguardi prestigiosi, come l’inserimento nel 2018 nella Guida Veronelli.

Insieme ad  Enrico Barbieri di Framura Turismo siamo saliti sulle colline della frazione di San Giorgio di Bonassola ad uno degli appezzamenti della vigna, che copre quattro ettari in quattro comuni diversi.

vigna di cà du ferrà

Con sorpresa ho trovato un vasto terreno  pianeggiante, risultato di una antichissima frana che ha formato una piana dove viene coltivato il bianco Doc “Bonazolae”.

Qui si  sta sperimentando la coltivazione di un raro vitigno di Vermentino nero anche grazie alla collaborazione di due esperti consulenti enologici.

vigna di cà du ferrà

 Giuseppe ci spiega che la particolare posizione della piana aperta verso il mare e il terreno salmastro danno al vino un sentore particolare.

Da tre anni si pratica la coltivazione biologica dei vitigni, utilizzando come fertilizzante lo stallatico di cavallo e ricorrendo a irrorazioni di rame e  zolfo solo in caso di effettiva necessità.

Il risultato?  Le piante, dopo un primo anno in cui sembravano essersi indebolite,  si sono rafforzate e sono diventate più resistenti alle malattie. E per aiutarle contro gli insetti nocivi, le “trappole” sono semplici bottiglie ai piedi delle viti.

coltivazione a cà du ferrà

 

Strani ospiti nel vigneto

Tra uno sguardo al mare ed uno alle piante, vedo alcuni filari di more.  Che ci fanno in una vigna?

Giuseppe mi spiega che anche loro contribuiscono al bouquet dei vini e i frutti, essendo garantiti da una coltivazione rigorosamente biologica, vengono venduti alla gelateria Basilico e Limone  di Levanto, tra le 100 migliori d’Italia.

in visita a cà du ferrà

Avevo già notato in altre vigne la presenza di rose  all’inizio dei filari e questa volta ho capito il loro ruolo di “sentinelle”: le rose, così delicate all’attacco di parassiti, denunciano per tempo la loro presenza, permettendo di intervenire subito per debellare il “nemico”.

Un’altra presenza insolita è un alveare, che intravedo un po’ appartato.  Poi capisco che la sua presenza non è così strana.

ape sui fiori

Le api, contribuendo all’impollinazione, sono importantissime, anzi fondamentali, per il ciclo vitale dei vitigni e a prendersene cura  è Guido, quel nostro ospite così gentile ed appassionato che ci aveva fatto conoscere il suo lavoro al Laghello di Amina 

Ma è ora di gustare i vini di questo vigneto così amorevolmente curato!

Nella cantina di Cà du Ferrà ci è stata preparato un assaggio di due vini, il Bonazzolae e L’Intraprendente (ma in produzione ve ne sono altri oltre alle grappe), accompagnati da focaccia e pandolce genovese.

degustazione vini a cà du ferrà

Per primo assaggiamo il Bonazzolae, classificato tra i  100 migliori vini d’Italia.

Di questo vino dalle speziature leggerissime, adatto ad aperitivi e piatti di pesce, che Giuseppe definisce “dalla sapidità elegante” è stato scritto che è  “l’espressione elegante del territorio”.

Ottenuto con Vermentino (65%), Albarola (30%) e Bosco (5%),  ha un colore giallo paglierino e un profumo delicato ma persistente, con sentori di fiori di campo.

Sfatando la credenza che lo vuole necesariamente bevuto nell’anno di imbottigliamento, troviamo ottimo il Bonazzolae del 2017.

vino passito di cà du ferrà

Ci aspetta  ora L’Intraprendente, anch’esso classificato tra i  100 migliori vini d’Italia, un delicato vino liquoroso che “ripercorre i canoni classici del passito di zona ma riletto in chiave moderna”, che acquista una maggiore freschezza con il suo sapore e il suo profumo meno intensi cui siamo abituati degustando i passiti.

 

Riposo al Cà du Ferrà

Non ci resta che terminare questa giornata riposando in una delle due strutture dell’Agriturismo Cà du Ferrà Farm & Relax, il più vicino al mare della Regione Liguria e premiato nel 2016 come il più apprezzato dell’intera regione.

mulino cà du ferrà

Io sono stata ospitata in una delle due comode stanze ricavate in un vecchio mulino  ristrutturato, immerso nel verde sul torrente San Giorgio.

Prima di partire, l’indomani mattina, saremo “viziati” dalla gentile signora Aida con una ricca colazione portataci in camera: ciambella e biscotti fatti in casa, spremuta d’arancia, yougurt, pane casareccio con burro e marmellate e caffellatte.

colazione a cà du ferrà

Come iniziare meglio la giornata?

 

A Cà du Ferrà Farm & Relax ecologia e  “filosfia delle 3R”

Nelle coltivazioni biologiche dei vigneti e della produzione agricola e nella conduzione del B&B, ogni giorno a Cà du Ferrà si lavora seguendo una propria Carta dei valori  basata su tre punti fondamentali:

  1. Rispetto per le persone
  2. Rispetto per gli animali
  3. Rispetto per l’ambiente

 

Cà du Ferrà – Farm & Relax
Via Gavazzo 46 19011
Bonassola (La Spezia)
Tel. +39 0187.814083
Cell. +39 328.7060771
info@agriturismo-caduferra.it

 

cà du ferrà

 

Seguici su Facebook e su Instagram  , troverai altre foto dei nostri “viaggi lenti per gustare l’Italia”.

Italia Regioni Liguria

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Questo spazio è per te, lascia i tuoi commenti e condividi le tue esperienze, i tuoi progetti di viaggio.
Se lo utilizzi, farai crescere la comunità dei ”vagabondi in Italia”.

Lascia un Commento