Friuli Venezia Giulia Il "buono" del viaggio

Gubana, gubanz o gubaniza?

21 Dicembre 2015

Gubana, ma anche gubanz e gubaniza, come la chiamano gli sloveni. Infatti questo dolce (che noi abbiamo mangiato a Cividale) è tipico delle Valli del Natisone nel Friuli orientale, al confine con la Slovenia.

gubana mappa

Le Origini

E si sa che nelle valli, fra i boschi, vivono esseri strani, misteriosi, a volte benefici, a volte pericolosi. Tra questi ci sono le Krivapete, dai capelli verdi e con una strana particolarità: hanno i piedi “rovesciati”, con i talloni davanti e le dita dietro. Sono donne selvagge, preveggenti, grandi conoscitrici delle erbe dei boschi. Qualche volta aiutano i contadini, insegnando loro i momenti più adatti alla semina e alla raccolta.

Krivapeta

Si racconta, nelle Valli del Natisone, che una di loro, addormentatasi sotto un albero, fu catturata da un contadino e portata in paese dove gli abitanti le promisero la libertà se avesse risposto alle loro domande. Fu così che la Krivapeta insegnò loro a fare il burro, a cucire le tipiche pantofole friulane, a intrecciare i cesti e ad affilare i coltelli. E… a fare la gubana!

Un dolce dalle origini mitiche, forse arrivato in Friuli nell’Alto Medioevo con le genti slave. Agli inizi del ‘700 la gubana era già un dolce tradizionale noto in tutto il territorio orientale del Friuli da almeno trecento anni, secondo un documento che attesta che nel 1409 fu servita in un banchetto in onore di papa Gregorio XII in visita a Cividale.

gubana nome

(il nome “gubaniza” compare nel testo al centro della prima riga intera)

Si pensa che all’inizio fosse fatta solo con pasta lievitata da pane e ripieno di castagne. Un tempo, ma non molto tempo fa, la gubana era preparata solo per le festività solenni (gubana natalizia e pasquale) e in occasione di eventi privati importanti, come i matrimoni.

Secondo la tradizione, che ricordano ancora le vecchie signore, la gubana non deve mai mancare ai matrimoni, ai battesimi e alle cresime”. E neppure alle feste del paese. Un tempo ai matrimoni ad ogni invitato veniva regalata una gubana. E ai matrimoni non c’erano mai meno di 50-60 invitati!

Matrimonio friulano – documento del 1931 fonte:   Archivio Storico Luce 

Dove Trovare la Gubana

Fino alla metà del ‘900, le donne preparavano la gubana esclusivamente in casa, preparando il ripieno con noci pestate nel mortaio, uvetta, pinoli fritti nel burro finché diventavano “biondi”, zucchero e grappa e poi la portavano a cuocere al forno pubblico.

gubana-stampa

Img: www.gubana.it

Ora si può trovare la gubana nelle pasticcerie di tutta la regione (e anche a Trieste, dove l’abbiamo trovata in una pasticceria del centro storico), anche se i “puristi” affermano che solo nelle Valli del Natisone e a Cividale si può gustare l’autentica Gubana, prodotta secondo le antiche tradizioni casalinghe e artigianali.

Proprio per difendere l’autenticità di questo dolce, nel 1990 è nato il consorzio difesa gubana Valli Natisone.

gubana marchio

Volete provare a fare una gubana?

Ricetta Gubana

Ecco la ricetta, che riportiamo integralmente, secondo una fonte “autorevole”, l’ERSA – Agenzia regionale per lo sviluppo rurale che definisce la gubana come “Dolce di pasta lievitata a base di frutta secca cotto a forno dalla forma tonda col caratteristico aspetto a chiocciola compatta” e indica come

Ingredienti obbligatori: farina di frumento / zucchero (saccarosio) / uva passa / uova / burro / olio di semi /noci /pinoli / latte / sale / limone, essenze o scorze grattugiato / vaniglia

Altri ingredienti, facoltativi: amaretti o biscotti / grappa (sliwovitz)/ cacao amaro in polvere / frutta candita (scorza d’arancia) / miele /mandorle e/o nocciole / margarina naturale vegetale / malto

Procedimento

Si fa un impasto di farina, lievito, eventualmente anche con l’aggiunta di latte. Si lascia riposare per circa ½ ora. Con lo stesso lievito si fanno i riporti (da uno a quattro), nell’ultimo riporto si mescolano gli ingredienti, esclusa la frutta secca. Si impasta per circa quindici minuti. Si prende un pezzo di pasta di circa ½ kg. e lo si stende a matterello o meccanicamente. Sul foglio ottenuto si stende uniformemente il ripieno preparato preventivamente e ottenuto con l’amalgama della frutta secca con zucchero, aromi e liquore. Si avvolge il foglio su se stesso ed il rotolo ottenuto viene avvolto a chiocciola per creare il caratteristico aspetto della gubana; il tutto viene posto in uno stampo tondo. Si fa lievitare il dolce fino ad ottenere la massima lievitazione. A questo punto la gubana viene posta in forno a circa 150/170°C per circa un’ora, variabile a seconda del peso.

Eccola!

Gubana dolce friulano

 

Pronti per farla? Fateci sapere com’è andata! Scriveteci un commento qui in fondo pagina.

 

Seguici su Facebook e su Instagram

cercando vagabondiinitalia.it troverai altre foto dei nostri “vagabondaggi”.

 

Italia Regioni Friuli Venezia Giulia

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Questo spazio è per te, lascia i tuoi commenti e condividi le tue esperienze, i tuoi progetti di viaggio.
Se lo utilizzi, farai crescere la comunità dei ”vagabondi in Italia”.

Lascia un Commento