Arte e Cultura Lombardia

Un pomeriggio di fine estate a Milano: alla Fondazione Prada

29 agosto 2018

Ritorno dalle vacanze e ancora tanta voglia di muoversi?

Noi non per nulla siamo vagabondi e non ci piace rimanere fermi. Così, appena rientrati dalla Val Badia, ci siamo domandati che fare per “movimentare” un po’ queste giornate, prima di metterci a programmare nuovi viaggi lenti in Italia.

in visita alla Fondazione Prada

Milano non è più una città “solo d’affari” (ma noi non siamo convinti che lo sia mai stata veramente, per noi è sempre stata bellissima e interessante!).

Le proposte culturali non si contano e sono sorti nuovi poli artistici di alto livello (conosci l’ Hangar Bicocca? Ė uno spazio veramente molto coinvolgente).

Così abbiamo deciso di passare un pomeriggio alla Fondazione Prada.

Fondazione Prada

Una decisione che ci ha regalato ore veramente emozionanti.

 

Una sosta al Bar Luce e poi…

Prima di iniziare la visita era d’obbligo una pausa al Bar Luce.

Bar Luce Fondazione Prada

Progettato dal regista Wes Anderson, vuole ricreare ”l’atmosfera di un tipico caffè della vecchia Milano”.

Forse non siamo abbastanza anziani per ricordare i “caffè della vecchia Milano”, quindi non ne abbiamo riconosciuto l’atmosfera, però… l’abbiamo trovato bellissimo!

Un posto dove fermarsi con piacere, bere o mangiare qualcosa in modo informale, provando la sensazione di sentirsi bene, a proprio agio, in un ambiente rilassante ed esteticamente molto gradevole.

sosta al Bar Luce della Fondazione Prada

Devo proprio andare via da qui?

 

…visita alla Fondazione Prada!

Questa sensazione ci ha accompagnato durante tutta la visita alla Fondazione Prada, in ognuno degli ambienti espositivi ricavati da vecchi edifici industriali rinati a nuova vita e nella moderna Torre, che ospita alcune esposizioni permanenti.

Di sicuro la Torre è uno degli elementi più riconoscibili della Fondazione Prada, con i suoi 60 metri di altezza biancore del cemento e la sua forma dinamica.

La Torre Fondazione Prada

Da lassù, ci siamo fermati più volte per guardare Milano, una vista che cambiava scendendo di piano in piano.

Anche la Torre cambia mutando l’angolo di osservazione. E’ come se fosse l’emblema della Fondazione Prada, della sua progettazione culturale. Quasi una sfida alla staticità.

E come se non bastasse, anche l’interno stimola continuamente la percezione, cambiando ad ognuno dei nove piani la pianta, l’altezza e l’orientamento dello spazio.

la Torre Fondazione Prada

Scenografico anche l’ accesso alla Torre, tra pareti a specchio che rifrangono l’immagine duplicandola come in un gigantesco caleidoscopio. Un gioco di continui riflessi che spezzano le figure, moltiplicandole.

ingresso alla Torre Fondazione Prada

Al suo interno è ospitato il progetto “Atlas”, che riunisce opere della Collezione Prada in una successione di spazi che accolgono assoli o confronti, creati per assonanza o contrasto.

arte alla Fondazione Prada

Sempre provocatoria, stimolante, destabilizzante.

progetto Atlas Fondazione Prada

Come il gigantesco mazzo di tulipani dai colori inverosimili, che riflettono i visitatori aumentando il senso dello spazio in cui si è immersi.

Pendolo alla Fondazione Prada

Alla Cisterna, uno degli edifici ricuperati, un enorme pendolo continua incessante la sua corsa mentre, poco oltre, ci immergeremo nell’oscurità di una grotta ricreata in 3D.

Centinaia di cartoline, libri, guide, dépliants testimoniamo il processo di nascita dell’ispirazione dell’artista nella creazione della sua opera: la ricostruzione di un luogo reale, una grotta dell’isola di Maiorca, che ritorna ad essere soggetto antico e mitologico.

Grottesco Fondazione Prada

La Hounted House, la casa stregata, si espone prepotentemente agli sguardi, isolandosi nel suo riverbero d’oro dagli edifici che la circondano e stringono con le loro vecchie architetture industriali,

Hounted House Fondazione Prada

mentre tutti gli spazi comuni della Fondazione (corridoi sotterranei, guardaroba e servizi) si caratterizzano per la raffinata eleganza delle linee minimaliste e degli effetti optical rigorosamente in bianco e nero.

Come può essere il deposito di un luogo così magico? Altrettanto magico!

Cartelloni giganti nel deposito della Fondazione Prada
Così ci è apparso l’enorme spazio nel quale ci siamo aggirati incantati, naso all’insù.

Ma per questo spazio, lasciamo parlare le immagini.

Fondazione Prada
Largo Isarco, 2 – 20139 Milano
t. +39 02 5666 2611
info@fondazioneprada.org

Il Bar Luce osserva il seguente orario:
lunedì / mercoledì / giovedì, 9 – 20
venerdì / sabato / domenica, 9 – 22
Chiuso il martedì.

Decorazione del Bar Luce Fondazione Prada

 

Seguici su Facebook e su Instagram . troverai altre foto dei nostri “viaggi lenti per gustare l’Italia”.

 

Italia Regioni Lombardia

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Questo spazio è per te, lascia i tuoi commenti e condividi le tue esperienze, i tuoi progetti di viaggio.
Se lo utilizzi, farai crescere la comunità dei ”vagabondi in Italia”.

Lascia un Commento