Itinerari Liguria Natura

Da Corniglia a Volastra sulla Via dei Santuari

27 agosto 2017
corniglia

Il secondo giorno di questo vagabondare per i sentieri alti delle Cinqueterre inizia concedendoci un risveglio tranquillo (molto pigro, in realtà) nella bella stanza del bed and breakfast Le Terrazze di Corniglia che abbiamo raggiunto la sera precedente.  L’arrivo, nelle ore dorate del tramonto,  aveva esaltato la bellezza dei suoi terrazzini: tre, tutti fioriti e degradanti verso il panorama del mare .

corniglia e terrasse

Di notte Corniglia ci era sembrata un presepe arroccato  e proteso nel mare. Una vista stupenda!

corniglia

Avevamo passeggiato a lungo per le suggestive stradine della sua parte più antica intorno alla chiesa di San Pietro e volevamo rivederle alla luce del mattino.

corniglia

Prima, però, ci ha attirato il cartello che invita a proseguire verso il  belvedere.  Alla fine della strada principale del paese ci appare un panorama di una bellezza incredibile ! La vista si spinge da un lato fino a Punta Mesco, dall’altro ben oltre Riomaggiore. E’ tutto un susseguirsi di monti che si adagiano nel mare. I colori sono esaltati dall’aria fresca del mattino e il cielo e il mare gareggiano nell’intensità dell’azzurro.

corniglia

Sotto di noi altri colori. Fichi d’India e piante grasse fiorite di gialli e di rossi incorniciano la vista dei ciottoli che l’acqua particolarmente limpida fa vedere sul fondo.

corniglia

Restiamo in silenzio, a lungo, quasi increduli di tanta bellezza.  Poi ce ne distacchiamo a malincuore. Ma il nostro cammino ci compenserà  con altri panorami bellissimi.

Dopo la colazione, rigorosamente nella piazzetta (come piace a noi), entriamo nell’Oratorio dei Disciplinati, alle nostre spalle, conosciuto come  Oratorio di Santa Caterina o Oratorio della Presentazione di Maria.

corniglia

Sull’altare maggiore, sormontato da ingenui angioletti,  il quadro della presentazione al  tempio della Madonna, un tempo particolarmente venerato  in un’altra chiesetta sul promontorio, in parte crollata in mare durante un terremoto nel 1885.

corniglia oratorio disciplinati

Alle pareti croci e lanterne processionali  e, su un tavolino, il modellino di un leudo, un’imbarcazione tipica  del golfo  del Tigullio, un tempo utilizzata per trasporti mercantili e dalla carena piatta,  adatta ad essere tirata in secco sulla spiaggia.

leudo corniglia

Nonostante il basso pescaggio del suo scafo,  il leudo teneva bene il mare, consentendo  navigazioni d’altura. Pare che molti emigranti liguri l’abbiano utilizzato per raggiungere l’America! Di fianco al modellino una targa spiega che il leudo era usato: “per i commerci costieri tra il XIII e il XIX secolo” e ricorda le  “genti di Corniglia che affidarono a Dio e al mare le loro speranze per un futuro migliore”.

Ritorniamo a San Pietro, dal bel rosone istoriato

corniglia san pietro

e da lì ci concediamo il tempo di gironzolare per stradine dagli altissimi gradini, dagli archi che sovrastano passaggi che conducono verso giardini dagli alti muri da cui spuntano rigogliosi ciuffi di rose.

Ci piacerebbe rimanere ancora a passeggiare senza fretta per le strette  strade di Corniglia, ma vogliamo anche raggiungere il santuario di Manarola: Nostra Signora della Salute a Volastra.  Si è fatto tardi e optiamo per la salita con il  bus del Parco delle 5terre.

volastra

La chiesa ha origini antiche e fino  alla fine del XVI secolo era dedicata a San Lorenzo, di cui conserva una statua.  Ai secoli precedenti risale la leggenda delle campane  che, seppellite dagli abitanti di Volastra per sottrarle alle razzie dei pirati saraceni,  si udivano suonare nelle notti di tempesta…

Una targa all’interno del santuario rimanda ai molti emigranti che si imbarcarono per le Americhe. Uno di loro fece fortuna, si ricordò del suo paese e del suo santuario e, ritornato nel 1908, contribuì generosamente a dotarlo di arredi e dell’organo.

Storie di mare, di emigranti,  di molti viaggi di andata e pochi di ritorno.

volastra

Un sentiero fra le vigne, ornato di  rose, è così invitante che cambiamo la direzione della nostra escursione.  Lo percorreremo ritornando a Corniglia, anziché scendere a Manarola.

volastra

L’inizio è molto sereno e scenografico, un tranquillo percorso di terra battuta tra filari di vigne e vedute sulla costa e le sue montagne.

volastra

Poi, inoltratosi nel bosco, diventerà  scosceso,  a tratti con dislivelli impegnativi, dal fondo sconnesso. Un vero sentiero di montagna.

Per fortuna in prossimità di Corniglia ritornerà ad essere agevole, permettendoci di godere tranquillamente (senza l’assillo di guardare continuamente dove  mettere i piedi) del  magnifico paesaggio.

corniglia

Arrivederci  Corniglia, arrampicata su uno sperone proteso nel mare.  Ci resta il desiderio di percorrere altri sentieri, di raggiungere altri santuari ma anche di ritornare tra le tue viuzze a guardare il mare dalle tue terrazze.   A presto !

corniglia

 

Come arrivare al santuario di Volastra

Il santuario di Nostra Signora della Salute, a Volastra, è uno dei cinque Santuari delle Cinqueterre, collegati dal sentiero Via dei Santuari.
Si può raggungere da Corniglia o da Manarola salendo in costa per raggiungere il sentiero che collega tutti i santuari oppure prendendo il Bus del Parco delle Cinqueterre.     Gli orari riportati in internet non sempre corrispondono a quelli effettuati.         Meglio telefonare per avere conferma. tel. 0187.522511

 

Tempo di percorrenza da Volastra a Corniglia

Ufficialmente meno di due ore. Ma ognuno ha il suo passo…

volastra

 

Noi abbiamo dormito e mangiato a…

A Corniglia ci siamo fermati al B&B Le Terrazze  (leggi il nostro articolo A Le Terrazze di Corniglia)  trovando un’ospitalità molto cordiale.
Via Fieschi 102, tel. 0187.812096  cell. 349.8459684  info@eterasse.it

A Volastra abbiamo mangiato bene  sul terrazzino del ristorante Gli Ulivi, molto vicino al Santuario. Tel +39 0187 185 8082

 

Per organizzare una gita lungo la Via dei Santuari delle Cinqueterre

http://www.parconazionale5terre.it/sentieri-outdoor.php

 

maestro-dascia-b

 

Seguici su Facebook e su Instagram

cercando vagabondiinitalia.it troverai altre foto dei nostri “vagabondaggi”.

 

Italia Regioni Liguria

 

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Questo spazio è per te, lascia i tuoi commenti e condividi le tue esperienze, i tuoi progetti di viaggio.
Se lo utilizzi, farai crescere la comunità dei ”vagabondi in Italia”.

Lascia un Commento