Arte e Cultura Friuli Venezia Giulia

Gradisca, la fortezza sull’Isonzo

14 Ottobre 2016

Lungo il nostro vagabondaggio sull’itinerario friulano ispirato al tratto italiano dell’Alpe Adria Trail, siamo arrivati a Gradisca d’Isonzo.  Un nome un po’ particolare, che fa sorridere chi conosce il cinema di Fellini ma, scherzi a parte, Gradisca  è una piacevolissima cittadina, ricca di storia e di bei palazzi.

gradisca 6

Arrivando in auto (ebbene sì,  stremati dal caldo abbiamo accettato un passaggio, contravvenendo alla nostra regola di viaggiare solo a piedi/bici o con i mezzi pubblici), subito ci è apparsa la colonna con il Leone di San Marco e un imponente edificio  a portici: il Teatro Municipale.

gradisca

Pensavamo  che la colonna fosse un’eredità della dominazione della Repubblica di Venezia, invece no. E’ stata inaugurata solo nel 1924 come monumento alla Redenzione di  Gradisca (nel 1921 Gradisca, a seguito degli accordi di pace dopo la Grande Guerra, fu annessa al Regno d’Italia). Non a caso la piazza su cui si innalza la colonna è Piazza dell’Unità d’Italia.

gradisca
Dall’altro lato della piazza si stende un grande parco nato dall’abbattimento di parte delle mura e delle fortificazioni veneziane.

Gradisca nasce, in età moderna, come bastione difensivo della Serenissima contro le scorrerie dei turchi che premevano contro il suo confine orientale. A fine ‘400 (i lavori finirono esattamente nel 1499) Gradisca era solo una fortezza circondata da poderose mura con torrioni protette  da un profondo fossato.

gradisca

Questa sua origine militare è testimoniata dalla eccezionale larghezza di via Ciotti che costeggia il teatro municipale, incomprensibile per una città di dimensioni modeste e capibile solo con il suo ruolo di spazio adibito alle manovre militari.

gradisca

Il periodo più florido per Gradisca inizia però nel 1647 quando, dopo alterne vicende politico-militari tra la Repubblica di Venezia e l’Impero asburgico, diventa capoluogo del feudo del principe Giovanni Antonio di Eggenberg.  Il suo centro storico si abbellì di palazzi nobiliari in stile barocco veneziano

gradisca

e di edifici pubblici come la Loggia dei Mercanti e il Monte di Pietà,

gradisca

la cui facciata è abbellita da un gruppo scultoreo del Cristo deposto dalla croce e adagiato in grembo alla Madonna.

gradisca

Su altre facciate vediamo altre testimonianze della storia di Gradisca: varie lapidi commemorative tra cui l’elenco dei provveditori veneti (in pratica i “governatori”  della Repubblica di Venezia).

gradisca

Parte delle mura veneziane rimangono a segnare il limite del centro storico e offrono una passeggiata  suggestiva,

gradisca

specie dalla parte della superstite Porta Nuova, già Porta d’Allemagna, una delle due porte di ingresso alla città.

gradisca

Dove dormire a Gradisca

Noi a Gradisca abbiamo alloggiato in casa della simpatica Susi, che ci ha accompagnato nella nostra visita al Parco Ungaretti, e ci siamo trovati… molto bene!

B&B La Fortezza 
di Assunta Pugliese
Viale Trieste, 27 – Palazzo Postir, al 3° piano
Gradisca d’Isonzo  Cell. 338 6227497
assita46@libero.it  

 

Seguici su Facebook e su Instagram

cercando vagabondiinitalia.it troverai altre foto dei nostri “vagabondaggi”.

 

Italia Regioni Friuli Venezia Giulia

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito web utilizza cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Puoi avere dettagli visitando l’informativa estesa dei Cookie.

Cookie Policy

Privacy Policy